Rete e materasso singolo: quali abbinare? Come scegliere? Guida all’acquisto

Il raggiungimento del benessere psicofisico comporta non solo condurre uno stile di vita sano, ma anche riuscire a dormire in maniera efficacie e regolare. In particolare, è indispensabile che il sonno avvenga per un periodo di tempo consono e senza interruzioni. Per farlo è tuttavia necessario disporre di un materasso adatto alla proprie caratteristiche ed esigenze. Ma al fine di non comprometterne le sue qualità è opportuno che si poggi al di sopra di un supporto idoneo. In quanto nel caso in cui ci si dotasse di una rete sbagliata, si andrebbe ad incidere negativamente sulla struttura del materasso. In particolare, si andrebbero a ridurre o addirittura compromettere gli effetti benefici del materasso.

  • La rete, anche definita base del letto, rappresenta la sede dove si dispone il materasso. La sua funzione preminente è quella di fornire un supporto adeguato. Il letto è dunque composto dal materasso e dalla rete. L’armonia fra i due oggetti consente di distribuire in maniera uniforme le sollecitazioni che si manifestano, a seguito delle pressioni di vario tipo esercitate dall’utilizzatore. Ogni tipologia di materasso si presta ad essere sostenuta in maniera più efficacie da determinati generi di rete.

 

Le diverse tipologie di rete per materasso

Innanzitutto occorre premettere come sono fatte le reti per materasso. La loro struttura è realizzata in legno, in metallo oppure con mescole di origine sintetica. All’interno del telaio sono inserire una serie di doghe, che nella maggior parte dei casi sono realizzate in legno. Alcune reti differiscono totalmente dall’idea di supporto tradizionale e risultano con una superficie rigida. Quindi si considerano un pezzo unico che funge da superficie di sostegno. Si annoverano anche tipologie particolari di rete, che possono essere elettriche o meccaniche. Il primo genere permette di decidere l’inclinazione della rete su due punti, attraverso l’utilizzo di un dispositivo. Mentre il secondo pone in essere i medesimi movimenti ma tramite un’attività promossa mediante un congegno meccanico.

Le reti dal punto di vista strutturale possono essere a doghe fisse oppure regolabili. Oppure, come accennato poc’anzi, possono risultare come un piano di appoggio senza doghe. Dal punto di vista del grado di rigidità offerto, esistono le reti ortopediche e quelle anatomiche. A proposito dei materiali, le doghe solitamente sono in legno. Il loro numero e la loro dimensione dipendono dal tipo di modello che si prende in esame e da determinate scelte perseguite dalla casa produttrice. In ogni caso si dispongono e si realizzano in modo tale da consentire una distribuzione dei pesi uniforme. Inoltre sono oggetti concepiti per favorire il passaggio dell’aria in corrispondenza del materasso ed evitare che possano rimanervi tracce di umidità o accumuli di polvere.

 

Gli abbinamenti fra rete e materasso singolo

A seconda del tipo di materasso che si prende in esame occorre dotarsi di una rete apposita, in grado di esaltare il più possibile le caratteristiche del prodotto che sostiene. Per quanto riguarda i materassi a molle, caratterizzati, com’è noto, dall’essere sostenuti da una struttura costituita di molle metalliche, si predispongono ad essere supportati da reti con doghe disposte in maniera ravvicinata. Singolarmente, tuttavia, la loro dimensione risulta abbastanza larga. A proposito invece dei materassi in lattice desiderano un sostegno costituito da una base anatomica, quindi da un piano rigido. Anche se la scelta dipende dalla versione che si prende in esame. In merito ai materassi in memory foam, infine, in ragione della loro differente reazione rispetto al peso delle parti del corpo con cui vengono a contatto, nonché della facoltà di deformarsi a contatto con una fonte di calore, si predispongono a ricevere una rete a doghe strette. Di solito un materasso rigido si abbina a reti con doghe larghe. Di contro, se morbido, si presta ad essere coniugato con telai a doghe strette.

Relativamente alle reti elettriche e a quelle a movimento meccanico sono destinate ad essere utilizzate da parte di coloro che necessitano di dormire in condizioni particolari, con una inclinazione del letto specifica. Perché hanno delle problematiche particolari a livello cardiocircolatorio o nell’ambito dell’apparato gastrointestinale. Oppure perché si trovano costretti a dover trascorrere lunghi periodi a letto, a seguito di un infortunio o per l’insorgenza di una patologia. Reti del genere si devono abbinare a materassi in grado di potersi piegare agevolmente. Ci si riferisca dunque a quei modelli soffici. Che non hanno alcun tipo di rigidità capace di ostacolare una eventuale torsione del piano di appoggio.

 

 

Suggerimenti utili

Al fine di non commettere errori, in grado di compromettere, o quanto meno di ridurre, l’emersione di una serie di peculiarità del materasso, è necessario avere una comprensione approfondita della tematica. Nel caso non si avesse l’opportunità di acquisire le necessarie informazioni, sarebbe necessario chiedere l’ausilio di un esperto, che di solito coincide con la figura del rivenditore dove si ha l’obiettivo di acquistare la rete. Qualora se ne avesse la possibilità si dovrebbe porre in essere l’acquisto del materasso e della rete nella medesima occasione, di modo tale di avere a disposizione i due oggetti in una sola occasione. Si raccomanda infine di non dimenticare di verificare anche la grandezza della rete, che deve combaciare con quella del materasso. Nel caso fosse sbagliata andrebbe ad incidere in modo negativo sull’efficacia del materasso.

  • A proposito del valore di questi oggetti dipende da diversi fattori. Prima di tutto ad incidere si considerano i materiali utilizzati per realizzare il telaio e le doghe (se la rete ne fosse provvista). In secondo ad influenzare il costo ci sono le dimensioni, nonché l’eventuale presenza di dispositivi in grado di determinare i movimenti della rete. Ci si riferisce in questo caso alle reti elettriche. In merito alle reti a doghe classiche per letti singoli, si trovano all’interno di una fascia di prezzo compresa tra quaranta trecento euro. A proposito delle reti reclinabili meccaniche hanno un valore ricompreso tra centocinquanta e oltre trecento euro. Le reti elettriche infine hanno un costo maggiore, in virtù del dispositivo che montano, in grado di produrre la flessione della rete in modo automatico. Il loro prezzo si riscontra fra cinquecento e più di mille euro.

Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, ho iniziato un lungo percorso di praticantato giornalistico che mi ha permesso di approfondire diverse tematiche. Sono partito affrontando questioni attinenti al mondo della legalità, passando per la politica internazionale, l’attualità, la cultura e l’arte.

Back to top
menu
Migliore Materasso Singolo