Quante tipologie di materasso esistono? Info, guida all’acquisto, differenze, pro e contro

Quando si vuole acquistare un materasso nuovo sicuramente si intra in contatto con un mondo di informazioni nuove che, molto probabilmente, possono confondere gli utenti meno esperti. Tra le informazioni che vengono “buttate” addosso all’utente quando, magari all’interno di uno shop online, cerca un materasso da acquistare sono: materiali, forme, dimensioni, modelli, brand, prezzi e così via. Nelle nostre numerose guide sul blog abbiamo già avuto modo di parlarvi di molti degli aspetti citati poco fa: tra le pagine del nostro sito potrete trovare moltissime guide riguardanti i materiali, i prezzi eccetera eccetera. Oggi, però, vorremmo parlarvi di quelle che sono le tipologie di materasso esistenti. Per tipologia si intende l’unione di materiali, soluzioni, scelte di design e  caratteristiche che possono rendere un materasso completamente diverso dall’altro. Quindi, nella nostra guida odierna, vi porteremo alla scoperta delle tipologie di materasso, analizzandole una per una e dandovi informazioni utili riguardo le differenze, i pro e contro di ogni tipologia, i prezzi e le caratteristiche fondamentali. Se dovete scegliere un nuovo materasso da acquistare ma non sapete da dove partire, non preoccupatevi: leggete questa guida fino in fondo e sicuramente troverete ciò che fa per voi.

Introduzione: le tipologie di materasso, quante ne esistono?

Quando ci siamo posti l’obiettivo di scrivere una guida completa sulle tipologie di materasso esistenti abbiamo subito capito che non avremmo mai potuto, in un testo dalle dimensioni contenute, raccogliere tutte le piccole sfumature diverse che i vari prodotti possono presentare. Per questo motivo abbiamo deciso di dedicare questa prima parte della guida a chiarire qualche piccolo dettaglio riguardo quanto diremo in seguito.

Nelle prossime sezioni della guida troverete elencate, con prezzi, caratteristiche e consigli per l’acquisto, le principali tipologie di materassi singoli. Sebbene le categorie che vi elencheremo siano sicuramente le principali vorremmo sottolineare che, in moltissime occasioni, sia possibile trovare delle “vie di mezzo”: dei materassi che posseggono qualche caratteristica di una tipologia e qualche caratteristica di un’altra. Ciò non di meno, le grandi differenze strutturali e di materiali  che possono essere identificate tra una tipologia di materasso e un’altra sono sempre presenti.

Per chiarire meglio: un prodotto a molle, sicuramente non presenterà il memory foam in aggiunta. Ciò nonostante, è possibile che i materiali per il rivestimento esterno, le reti di supporto o le “caratteristiche aggiuntive” siano simili. L’esempio che vi abbiamo portato sarà sicuramente più chiaro una volta lette le prossime sezioni della guida.

Materassi a molle: un grande classico

Il materasso a molle è sicuramente il più classico dei materassi esistenti. Sin da prima dell’invenzione di tutti gli altri modelli, che affronteremo nelle prossime sezioni, il materasso a molle è stato un fedele compagno del sonno di moltissimi utenti in tutto il mondo. Come mai il materasso a molle è cosi popolare?

La popolarità del materasso a molle è sicuramente da far risalire alla sua semplicità. Non stiamo parlando di semplicità di utilizzo o di posizionamento, queste sono caratteristiche comuni a tutti i materassi, stiamo piuttosto parlando di semplicità di realizzazione: rispetto a molte altre tipologie di materasso, quello a molle risulta relativamente poco costoso da produrre. Come conseguenza si ottiene un prodotto che fa risparmiare l’utente. Un prodotto a molle di alta qualità può essere facilmente acquistato per un centinaio di euro, ovviamente i prodotti con caratteristiche speciali richiedono un investimento maggiore, ma comunque costano meno dei prodotti “speciali” appartenenti ad altre tipologie di materassi.

Va sottolineato che i materassi a molle non hanno solo caratteristiche positive: esistono due aspetti dei prodotti che stiamo analizzando in questa sezione della guida che possono rivelarsi molto importanti per quanto riguarda la decisione di acquisto. Stiamo parlando della durata della vita del prodotto e della comodità. Questi due aspetti sono molto legati tra loro e non si possono spiegare separatamente: i materassi a molle, appena acquistati, sono molto comodi, come tutti i materassi. Tuttavia la soluzione delle molle, che sostengono il peso dell’utente, potrebbe non essere la più adatta per un prodotto con una vita molto lunga: le molle, con il passare del tempo, possono perdere “forza” specialmente nelle zone del letto su cui l’utente esercita la maggiore forza. Quindi, come possiamo immaginare, dopo qualche anno di utilizzo ci saranno delle zone del materasso che presenteranno delle depressioni, le quali possono portare a posture scorrette, dolori e ad una qualità del sonno inferiore. 

Materassi in lattice: comodi e igienici

La seconda tipologia di materassi di cui vorremmo parlarvi sono quelli in lattice. I materassi in lattice sono la scelta migliore per tutti coloro che soffrono di disturbi legati ad allergie, asma e così via. Vediamo perché.

La struttura dei materassi in lattice viene definita a “nido d’ape” questo significa che il materiale viene stampato in modo da presentare degli spazi vuoti al suo interno: questi “buchi” permettono allo sporco (sudore, polvere e altra sporcizia) di non accumularsi all’interno del materasso. Inoltre, grazie alla struttura a nido d’ape, risulta molto più semplice lavare ed igienizzare i materassi in lattice.

Parlando di prezzi occorre specificare che i materassi di cui stiamo trattando sono relativamente costosi e partono da prezzi minimi di cento euro, fino ad arrivare oltre i duecento. Ovviamente il prezzo è giustificato dal complesso sistema di realizzazione e dal costo della materia prima utilizzata per creare i materassi protagonisti di questa sezione.

Materassi in memory foam: comodità senza pari

La terza tipologia di materassi che vogliamo portare alla vostra attenzione è quella realizzata in memory foam. Riteniamo che, a questo punto, quasi tutti conoscano questa materia prima e questa tipologia di materassi, anche grazie alle grandi campagne pubblicitarie che le aziende stanno facendo per valorizzare questa tipologia di prodotti. 

Per chi non lo sapesse il memory foam è un’imbottitura con “memoria di forma”: quando un utente si sdraia su un materasso creato a partire da questo materiale, il prodotto acquisisce la forma del suo corpo per facilitare una postura corretta ed offrire il massimo comfort. Secondo moltissimi utenti la tipologia di materasso che stiamo passando sotto la nostra virtuale lente d’ingrandimento è la più comoda!

Tuttavia i materassi in memory foam non sono così accessibili, principalmente per via del prezzo. I materassi di cui stiamo parlando si rivelano essere i più costosi di tutti e possono avere prezzi minimi di centocinquanta euro. Un prodotto di qualità alta e con caratteristiche “speciali” può costare anche più di duecento euro.

Materassi ortopedici, per chi ha bisogno di attenzioni particolari

I materassi ortopedici non sono una vera e propria categoria di materassi: ogni prodotto tra quelli che abbiamo elencato nelle sezioni precedenti può essere “ortopedico” se presenta le giuste caratteristiche. In particolare i materassi ortopedici si distinguono per via di una rigidità maggiore che permette agli utenti con impedimenti motori di alzarsi e sdraiarsi sul letto con estrema facilità. Nei casi più “gravi” si può ricorrere a materassi ortopedici dotati di azionamento elettrico che possono aiutare ulteriormente l’utente a mettersi comodo. Inutile dire che i prodotti che abbiamo appena descritto richiedono un investimento maggiore rispetto a quello medio richiesto per i prodotti della tipologia a cui appartengono.

Oltre ai materassi: le reti

Nel caso in cui si volesse personalizzare ulteriormente la propria esperienza di utilizzo del materasso, una delle idee migliori è quella di scegliere attentamente anche la rete. Qui sul nostro blog abbiamo pubblicato una breve guida che contiene tutto quello che c’è da sapere sulle reti dei materassi. Vi consigliamo di prestare attenzione anche a questo aspetto perché le reti sono il supporto dell’intero letto e dalla loro rigidità, costruzione e da tutte le altre caratteristiche funzionali dipende la qualità del sonno dell’utente. Riteniamo sia poco sensato spendere più di duecento euro per un materasso in memory foam solo per adagiarlo su una rete economica che non lo sostiene nel migliore dei modi. Questo ragionamento è ancora più importante nel caso si debba acquistare un sistema di riposo per utenti con impedimenti motori.

Con quest’ultimo consiglio ci avviamo verso la conclusione della nostra guida completa con tutte le tipologie di materasso esistenti: speriamo vi possa essere utile per scegliere il prodotto migliore! Se, per un motivo o per l’altro, dovessero servirvi altre informazioni sui materassi, non dimenticate che il nostro blog è interamente dedicato all’argomento dei materassi singoli: tra recensioni, guide, confronti, approfondimenti e consigli per l’acquisto, sicuramente riuscirete a trovare quello che vi serve. Vi ringraziamo per aver dedicato del tempo alla lettura del nostro articolo e ci auguriamo di rivedervi presto.

Nel mio studio grafico, mi occupo di: grafica pubblicitaria con soluzioni eco-sostenibili, web design, grafica per eventi, grafica per il web e la stampa, ed illustrazione. Inoltre, da tempo collaboro con aziende e case editrici per la redazione di articoli e contenuti multimediali.
Arte, lettura, illustrazione e fotografia… per lavoro e per passione!

Back to top
menu
Migliore Materasso Singolo