Quali sono i materassi più freschi e che non fanno sudare? Guida all’acquisto, prezzi e marchi

I materassi più freschi sono concepiti per essere utilizzati nei periodo estivi. In molte zone del territorio italiano il caldo può arrivare a risultare difficile da sopportare. Soprattutto di notte, quando, oltre alla temperatura elevata si fa sentire l’umidità. Condizioni del genere non permettono di dormire bene e senza interruzioni. Perché il calore prodotto dal corpo provoca una sudorazione eccessiva, che va a coinvolgere le coperte e il materasso stesso. Nella maggior parte dei casi non si riesce neanche a prendere sonno, quindi le notti diventano dei veri e propri calvari. Al fine di evitare di affrontare queste afflizioni, risulta dunque indispensabile correre ai ripari e dotarsi di un materasso idoneo. Concepito per essere usato nei momenti più caldi dell’anno. Anche perché durante il sonno si dovrebbe escludere l’utilizzo dei condizionatori o dei ventilatori, che vanno ad estendere la loro influenza in modo diretto nella stanza dove si dorme.

L’utilizzo del condizionatore, in particolare, se posizionato all’interno della stanza dove si dorme abitualmente, potrebbe comportare delle conseguenze poco favorevoli: durante le ore di sonno la temperatura del corpo scende ed un ulteriore raffreddamento potrebbe incidere in modo negativo sulla fisiologia dell’organismo. In particolare potrebbero emergere dei raffreddamenti o delle problematiche alla gola. Ma anche una serie di fastidi legati alle articolazioni. Nel corso della giornata inoltre ci si esporrebbe a subire uno shock ulteriore, dovuto all’impatto con la temperatura esterna, facilitando l’insorgenza di altre tipologie di fastidi. Nei limiti del possibile si dovrebbe accettare la temperatura naturale del luogo dove si è. E cercare di migliorare il clima casalingo ricorrendo soltanto a metodi consoni, aumentando per esempio la circolazione dell’aria e dotandosi di un materasso adatto.

Le caratteristiche dei materassi più freschi

I materassi in grado di ridurre la sensazione di calore, prodotta dal clima caldo e umido, sono concepiti soltanto per alleviare il malessere. In quanto non esistono dei prodotti provvisti al loro interno di un sistema in grado di raffreddare il materasso. Si tratta piuttosto di oggetti che riescono ad aumentare la ventilazione interna e ad evitare che venga immagazzinato troppo calore, anche quello proveniente dal corpo stesso. Le parti più esterno sono ottenute difatti con materiali di origine naturale, capaci di rendere migliore la traspirazione. Nella maggior parte dei casi si ricorre al cotone, che si distingue per agevolare il movimento dell’aria al suo interno. Nei confronti di coloro che desiderano stare più comodi e ricevere piacevoli sensazioni di confort e morbidezza, si consiglia di indirizzarsi verso i modelli estivi in lattice. Di contro, chi desira una superficie più rigida, si potrebbe orientare verso modelli a molle, in versione estiva ovviamente.

  • Si sconsiglia invece si utilizzare versioni realizzate con materiali di origine sintetica, come quelli fatti con le schiume poliuretaniche. In quanto immagazzinano con maggiore facilità il calore. Men che meno si auspica il ricorso a materassi fatti interamente con il memory foam, nel caso ci si volesse dotare di un modello in grado di ridurre l’assunzione del calore. Perché si tratta di un materiale che, com’è noto, è sensibile al contatto con le fonti di calore, a tal punto da modellarsi sul corpo di chi ne viene a contatto. Quindi la temperatura eccessiva potrebbe indurre il materiale a deformarsi in modo più significativo del previsto, producendo delle flessioni eccessive ed un ulteriore fastidio nei confronti di chi vi si è adagiato. I materiali sintetici si intendono consoni soltanto quando si combinano con altri materiali, realizzando diversi strati.

I migliori modelli

I migliori modelli, che si consigliano per combattere il calore eccessivo durante la notte, sono realizzati con diversi strati. Si annoverano tra i più efficaci quelle versioni fatte con la parte interna in momory foam e provvisti di uno strato superiore costituito di gel rinfrescante. Che si caratterizza per impedire la circolazione del calore o quanto meno per rallentarla. In questa maniera il calore prodotto dal corpo non può estendersi sulla superficie del supporto, se non in maniera molto lenta e impercettibile. Oltretutto nel momento in cui ci si addormenta, che coincide con un abbassamento deciso della temperatura corporea, si assiste, in corrispondenza della parte superiore del supporto, alla stabilizzazione di una condizione di freschezza e confort. Si ricorda che lo strato in gel rinfrescante è capace di trasmettere anche dei benefici a livello ortopedico e circolatorio.

Alcuni modelli risultano ancora più complessi, considerato che sono costituiti da almeno tre strati ottenuti con materiali differenti. Ad ogni modo anche in queste tipologie si inserisce uno strato superiore fatto con il gel rinfrescante. In questa maniera si rendono ancor più efficienti le caratteristiche del materasso, volte a non assumere il calore dal corpo e dell’ambiente circostante. I diversi strati inoltre garantiscono una notevole traspirazione. Dunque riescono ad evitare che possano rimanere all’interno del materasso tracce di umidità, eventualmente prodotte dal sudore o dall’umidità eccessiva presente nell’ambiente. Ad incidere in maniera più o meno favorevole sulle peculiarità di questi materassi si considera anche la tipologia di luogo dove vengono posizionati. Si dovrebbe fare in modo che vengano messi in camere dove la circolazione dell’aria non è compromessa e lontani dall’irraggiamento diretto del sole.

Suggerimenti utili

Esistono una serie di metodi finalizzati a rendere l’ambiente dove si dorme più confortevole, nel corso dei periodi dell’anno in cui il caldo e l’umidità di fanno intensi. Prima di tutto si dovrebbero scegliere dei tessuti per le federe e le coperte ottenuti con materiali di origine naturale. Ed evitare assolutamente di ricorrere a prodotti di origine sintetica. In quanto amplificherebbero la sensazione di disagio anziché ridurla. In secondo luogo sarebbe utile lasciare il materasso per un periodo sufficiente esposto al passaggio dell’aria, senza tuttavia coinvolgerlo nell’illuminazione diretta del sole. Infine sarebbe utile mantenere in ombra la stanza durante il giorno. A proposito del cuscino, si dovrebbe scegliere secondo i medesimi criteri adottati per l’acquisto del materasso. Perché sarebbero in grado di incidere in maniera efficacie durante le notti più complesse dal punto di vista climatico. I cuscini, in conclusione, a prescindere dal loro materiale, si dovrebbero foderare con tessuti di origine naturale.

Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, ho iniziato un lungo percorso di praticantato giornalistico che mi ha permesso di approfondire diverse tematiche. Sono partito affrontando questioni attinenti al mondo della legalità, passando per la politica internazionale, l’attualità, la cultura e l’arte.

Back to top
menu
Migliore Materasso Singolo