Cosa sono i futon? Dettagli, vantaggi e svantaggi nell’utilizzo

La scelta del materasso è di notevole importanza in quanto si tratta di un prodotto sul quale si trascorre molto tempo. E’ bene di conseguenza valutare i numerosi modelli presenti sul mercato ed indirizzarsi verso le versioni che consentono lo svolgimento delle proprie ore di sonno nel migliore dei modi. Coloro che hanno dei fastidi in corrispondenza del rachide cervicale oppure di altre zone della schiena,  sono costretti anche a valutare oltre alla comodità anche le qualità ortopediche del prodotto.

Tra le diverse possibilità praticabili si annovera il materasso futon. Si tratta di un prodotto particolare, di concezione nipponica, che si distingue per essere realizzato mediante l’applicazione di tecniche molto antiche. Nel corso della produzione, in particolare, si ricorre all’uso di determinati materiali di origine naturale. Tutto ciò ne fa una tipologia di materasso estremamente raffinato, in grado di andare incontro alle più disparate esigenze.

  • La qualità del sonno è un aspetto della nostra vita che a volte non è sufficientemente preso in considerazione. Spesso, per questioni legate all’ignoranza o persino alla pigrizia, si decide di trascorrere le ore di riposo notturno al di sopra di materassi oramai privi di qualsiasi proprietà ortopedica, in grado di trasferire soltanto dei disagi. Si ricorda che dormire bene risulta di giovamento alla salute. A livello organico si rilevano delle conseguenze positive soprattutto nell’ambito cardiocircolatorio e gastrointestinale. Oltretutto si genera un aumento deciso delle difese immunitarie. I vantaggi che derivano da un riposo compiuto in maniera sana e corretta si rilevano anche in un miglioramento delle capacità cerebrali. Si ravvisano in particolare degli effetti positivo relativamente all’aspetto cognitivo e mnemonico.

Il futon

Innanzitutto è opportuno conoscere il significato del termine futon, che sta ad indicare un materasso in grado di arrotolarsi. Il termine rimanda ai modelli di materasso tipici della cultura nipponica, che può vantare una tradizione millenaria nella loro fabbricazione. I modelli originali, che spesso si trovano nella maggior parte delle camere da letto giapponesi, sono realizzati in cotone puro. Al di sotto, secondo quanto prevede la tradizione del sol levante, si dovrebbe posizionare il cosiddetto tatami: il classico tappeto fatto di paglia di riso. Una volta terminato l’utilizzo del materasso lo si arrotola per poi posizionarlo all’interno di un armadio, allo scopo di ampliare lo spazio e rendere possibile lo svolgimento di altre attività. I modelli futon pian piano hanno fatto ingresso nella cultura occidentale, sebbene siano stati reinterpretati nella modalità di realizzazione. In quanto spesso si aggiungono degli strati ulteriori rispetto agli esemplari tradizionali.

Si è apportato questo cambiamento al fine di poterli poggiare o inserire sulle strutture dei letti moderni. Le versioni realizzate in occidente si distinguono per fare ricorso all’introduzione di una serie di altri materiali dunque. Nei processi di produzione si coinvolge la lana, il lattice naturale o la fibra coir. In alcuni casi si inseriscono materiali alternativi, ma di qualità sopraffina, in grado persino di migliorare le peculiarità ortopediche del prodotto. Ci si riferisce in particolare alla soia memory foam. Che è un composto ottenuto in maniera completamente naturale, malgrado l’obiettivo sia anche quello di far emergere certe qualità tipiche di alcuni materiali sintetici. In pratica si ricorre a delle schiume ottenute da oli vegetali provenienti dalla soia.

Le peculiarità dei materassi futon

I prodotti di cui si tratta sono prima di tutto ergonomici e traspiranti. Dunque consentono di non permettere la formazione e la permanenza di tracce di umidità, complici di favorire la proliferazione di muffe. Inoltre sono in grado di mantenere il corpo in una condizione ideale sotto il profilo della temperatura e della postura. Per di più si ritengono degli oggetti completamente anallergici. Quindi si predispongono ad essere utilizzati da parte di coloro che soffrono di allergie. Come si è sottolineato in precedenza, anche i modelli occidentali, seppur più compositi rispetto agli esemplari originali, ricorrono comunque all’utilizzo di materiali naturali. Che consentono di per sé la trasmissione di una serie di benefici nel corso del sonno.

Un’altra caratteristica dei materassi in questione si rintraccia nella loro consistenza. Perché rispetto ai modelli tradizionali sono sicuramente più rigidi. Ma, sebbene inizialmente possa spiazzare questa prerogativa e persino spingere a conclusioni affrettate, interpretando la rigidità come scomodità, col tempo è possibile trarre innumerevoli vantaggi. In quanto la schiena poggia sulla superficie del materasso senza subire delle flessioni innaturali. Quindi si evita che su parti di essa possano concentrarsi delle tensioni, capaci di generare alla lunga dei dolori. Di conseguenza si migliora la qualità del sonno, specie di coloro che soffrono di problematiche alla schiena. Che, com’è noto, vanno peggiorando quando si scelgono dei materassi poco adatti o eccessivamente morbidi. Per non parlare di modelli oramai superati, che non sono più in grado di trasferire alcun tipo di beneficio.

Come si puliscono i materassi futon?

I materassi futon si distinguono anche perché risultano facili da lavare. Di solito basta sottoporli di sovente al passaggio dell’aria per renderli idonei all’utilizzo e in grado di trasmettere i numerosi benefici. Qualora si rendesse necessaria la rimozione di depositi di polvere, basterebbe sbatterli all’aperto o fare ricorso ad un piccolo aspirapolvere. Allo scopo di garantire l’igiene del materasso si ritiene vantaggioso utilizzare un apposito rivestimento, un coprimaterasso, entro cui inserire il prodotto. Di modo tale da creare una protezione attorno al futon, che può essere facilmente rimossa e pulita, anche in maniera approfondita. Nel caso accidentalmente si depositassero della macchie si potrebbe utilizzare un panno o una spugna, inumidite in una soluzione di acqua e sapone (neutro).

  • Questo genere di materassi si considerano utili non solo per trascorrere le ore di sonno o di semplice riposo, ma anche per tutta una serie di attività che si svolgono attraverso il raggiungimento del rilassamento del corpo. In particolare i materassi futon si prestano ad essere superfici dove poter svolgere attività meditative o addirittura dove ricevere dei massaggi. Sono difatti diversi oramai i centri benessere che ricorrono all’utilizzo di materassi di questo tipo. Anche perché rendono più incisive le attività terapeutiche, oltre ad offrire di per sé una serie di benefici sotto il profilo posturale e ortopedico.

Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, ho iniziato un lungo percorso di praticantato giornalistico che mi ha permesso di approfondire diverse tematiche. Sono partito affrontando questioni attinenti al mondo della legalità, passando per la politica internazionale, l’attualità, la cultura e l’arte.

Back to top
menu
Migliore Materasso Singolo