Materassi singoli migliori: opinioni, informazioni, recensioni, prezzi, migliore materasso singolo

Hai deciso di cambiare materasso e sei alla ricerca di un prodotto morbido, accogliente e confortevole? Un sonno di qualità è fondamentale per garantire un riposo completo, sereno e soddisfacente al risveglio dal quale sentirci pieni di energie e propositivi per affrontare il giorno con i suoi molteplici impegni. Per questo, un materasso che non solo garantisca sonni profondi e piacevoli, ma che offra anche un buon sostegno alle nostre articolazioni è un’esigenza più che mai importante da soddisfare ai giorni nostri. Vediamo insieme tutto quello che c’è da sapere su questo prodotto, per scegliere il migliore per noi.

Tipologie e modelli

Sul mercato è possibile trovare numerose tipologie di materasso, che differiscono tra loro per modello, dimensione, materiale, rigidità e via dicendo. Per quanto riguarda la grandezza del prodotto, esistono diverse varianti, tra cui:

  • Materasso singolo o a una piazza, indicato per il riposo di una sola persona. Le sue dimensioni sono comprese tra 2 metri di lunghezza e 1 metro di larghezza;
  • Materasso a una piazza e mezzo, idoneo per una persona, ma che garantisce maggior spazio e dunque un confort aumentato. La sua grandezza è di 120 cm di larghezza, per 200 cm di lunghezza;
  • Materasso doppio o a due piazze, pensato per il sonno di due persone. Ha dimensioni pari a 2 metri di lunghezza e 170 cm di larghezza;
  • Materasso alla francese, che si configura a metà strada tra quello a una piazza e mezzo e quello a due piazze;
  • Materasso su misura, indicato per tutti coloro che hanno particolari esigenze e necessitano quindi di un prodotto personalizzato.

Oltre che in merito alle dimensioni del materasso, è possibile distinguere modelli diversi anche in base ai materiali di realizzazione di tale prodotto. Tra le alternative a disposizione ci sono:

  • Memory Foam, ovvero una schiuma molto morbida e flessibile, che si adatta perfettamente a tutti i tipi e le conformazioni di corporatura. I materassi realizzati con questo materiale hanno un peso ridotto, ma consentono una scarsa circolazione dell’aria. Pertanto, il calore corporeo tende ad accumularsi. Quindi, si tratta di una scelta adatta a tutti coloro che soffrono il freddo, ma decisamente sconsigliata a chi tollera bene le temperature più basse, mal sopportando il caldo. In ogni caso, al mattino è importante lasciar areare il materasso in modo da favorire l’eliminazione dell’umidità;
  • Lattice, si tratta di un materiale ricavato dalla pianta della gomma, molto gettonato per la realizzazione dei materassi. Infatti, tra i suoi pregi ci sono flessibilità e adattabilità alle forme del corpo, senza trascurare un necessario grado di sostegno e rigidità. Inoltre, il lattice è consigliato per tutti coloro che soffrono di allergie e asma. Per contro, un materasso realizzato con questo materiale ha un peso piuttosto elevato. A seconda della specifica composizione del prodotto, possiamo distinguere tra: materassi interamente realizzati in lattice, con uno spessore di almeno 10 cm; materassi con il 60% di lattice; materassi composti da più materiali, con il lattice che riveste solo la loro superficie.
  • Molle, posizionate all’interno del materasso, che hanno la funzione di apportare morbidezza, sostegno ed elasticità. Questi materassi garantiscono una buona aereazione e sono particolarmente consigliati per chi soffre il caldo o vive in ambienti caratterizzati da alte temperature. Grazie alla loro stabilità e resistenza, questo tipo di prodotti sono particolarmente indicati anche per persone sovrappeso;
  • Acqua, inizialmente realizzato per prevenire la formazione di piaghe da decubito nelle persone inferme e costrette a letto, questo materasso è composto da strati in tessuto o schiumato poliuretanico, che circondano una camera d’acqua. Tra i vantaggi di questo prodotto c’è il fatto che si tratta di una superficie ergonomica e adatta a chi soffre di reumatismi, poiché dotata della possibilità di essere riscaldata tramite un apposito termostato. Inoltre, si tratta di una scelta perfetta per le persone che soffrono di allergia: è impermeabile, resistente ad acari e batteri e decisamente igienico. Tuttavia, si tratta di un materasso molto pesante, che necessita annualmente della disinfezione dell’acqua al suo interno;
  • Gommapiuma, questo tipo di materasso è realizzato in waterfoam e poliuretano in schiuma espansa ad acqua. Non si tratta di un materiale idoneo per il riposo di tutto l’anno, ma è la perfetta scelta, economica ed ecologica, per le seconde case, il camper o il campeggio in tenda, e per brevi soggiorni, in particolar modo se destinato ai bambini. Tra i maggiori pregi di questo materasso c’è la sua facilità di trasporto, dovuta al peso minimo del materiale.

Come scegliere?

Dopo aver esplorato la molteplicità di tipologie di materassi, scopriamo come scegliere il miglior prodotto, andando ad esaminare una serie di parametri volti a garantire la qualità del nostro acquisto e la serenità del nostro sonno.

  • Destinazione d’uso: la prima domanda da porsi in occasione della scelta del miglior materasso singolo è: “Quali sono le esigenze che questo prodotto dovrebbe assolutamente soddisfare?” Per questo, è bene interrogarsi circa l’utilizzo che andremo a fare di questo prodotto e sulle caratteristiche e funzionalità che dovrebbe garantirci. In tal senso, è utile esaminare l’eventuale presenza di problematiche articolari o muscolo-scheletriche, la frequenza d’uso del prodotto, il nostro peso, se soffriamo di eventuali allergie e via dicendo;
  • Dimensioni: se stiamo optando per un materasso singolo, dovremmo comunque tenere in considerazione che la superficie dovrebbe permetterci di distendere gambe e braccia senza sfiorare i bordi, garantendo un’ampiezza superiore di 20-30 centimetri rispetto alla larghezza e altezza del nostro corpo. Da non sottovalutare anche lo spessore del materasso. Un prodotto troppo sottile, infatti, potrebbe causare la comparsa di problemi articolari, dolori e rigidità. Allo stesso modo, anche una superficie eccessivamente alta comprometterebbe comodità e relax. Per questo, l’altezza ideale del materasso è compresa tra 21 e 30 cm;
  • Materiale: si tratta di un parametro di fondamentale importanza, in special modo per chi ha esigenze specifiche in termini di peso e salute. La scelta del materiale deve garantire sostegno, robustezza e igiene, favorendo la circolazione dell’aria ed evitando il proliferare di batteri e acari sulla superficie del prodotto, anche nel caso di persone costrette a letto a causa di particolari patologie e infermità;
  • Budget, naturalmente il costo del prodotto è un criterio fondamentale nel processo di selezione del miglior materasso. Il miglior consiglio è quello di stabilire un tetto massimo da non superare, senza tuttavia preferire il risparmio alla qualità. Del resto, si tratta di un supporto essenziale per garantire non solo il benessere del nostro corpo, ma anche quello della nostra mente. Inoltre, l’acquisto del materasso si profila come un vero e proprio investimento. La sua durata, infatti, è compresa tra gli 8 e i 12 anni. Terminato questo arco di tempo, generalmente è consigliato sostituire il prodotto. Le ragioni sono molteplici. Infatti, nel frattempo il nostro corpo e le nostre esigenze potrebbero essere cambiate. Senza contare, naturalmente, che con il passare degli anni il rischio di un accumulo di funghi, muffe, acari e polvere si fa sempre più concreto e può rappresentare un grave pericolo per la nostra salute;
  • Brand: nella scelta del miglior materasso il marchio a cui affidarsi ha un ruolo determinante, perché influisce sia sulla qualità del prodotto, che sull’assistenza che si riceve durante la selezione del miglior modello e in fase post-vendita. Per questo, nel seguente paragrafo esamineremo la lista delle aziende top di gamma che si dedicano alla realizzazione dei materassi più performanti, esaminando i punti forti di questi brand;
  • Rigidità: un buon materasso non dovrebbe essere né eccessivamente rigido né troppo morbido. Sebbene in passato abbia preso piede l’idea che le superfici dure risultano più naturali, infatti, si tratta di un assunto falso: tutto è deputato alla comodità e al comfort del singolo. L’ideale, in questo caso, è che la struttura sia abbastanza dura da sostenere il corpo durante il riposo, ma non così rigida da risultare scomoda. Tra gli aspetti da valutare c’è il rispetto della curvatura naturale della colonna vertebrale;
  • Posizione: anche la posizione in cui si dorme può orientare la scelta su un materasso anziché un altro. Se dormi steso sulla schiena, è necessario scegliere un prodotto più rigido, che dia supporto alla colonna vertebrale. Se, al contrario, preferisci riposare su un fianco, sarà bene optare per una superficie più morbida, che consenta alla tua spalla di affondare un pochino, acquisendo maggior relax e comodità.
  • Temperatura: infine, quando si opta per un materasso piuttosto che un altro, non si può non considerare la temperatura sia in relazione al posto in cui abitiamo, che al nostro impianto di riscaldamento o di aria condizionata e alla propria temperatura corporea. Come abbiamo visto infatti, ogni materiale ha diverse capacità di favorire l’areazione, accumulare il calore o, al contrario, disperderlo.

Pulizia e igiene

Come abbiamo accennato, l’igiene del materasso è un fattore determinante per evitare l’insorgenza di allergie e malattie che mettano a rischio il nostro benessere. Per questo, non solo è necessario cambiare la superficie su cui si riposa dopo un arco temporale massimo di 12 anni, ma anche effettuare una serie di operazioni quotidiane e frequenti, volte a garantire la massima pulizia di questo dispositivo.

Tra le azioni da mettere in pratica ogni giorno, c’è la corretta areazione del materasso. Ciò significa che, subito dopo esserci svegliati, non va assolutamente rifatto il letto. Questo infatti, favorirebbe l’accumulo di polvere, acari e batteri. Bisogna tenere in considerazione che si tratta di organismi minuscoli e non visibili a occhio nudo, che si annidano tra cuscini, materasso e lenzuola, nutrendosi dei nostri residui di pelle.

Quindi, per contrastare la loro presenza, ogni giorno occorre disfare il letto e lasciarlo arieggiare almeno un’ora, anche in inverno. L’ideale sarebbe tenere aperta la finestra per il tempo necessario ad arieggiare il letto: in questo modo ridurremo il tasso di umidità. Oltre a questo semplice gesto quotidiano, dovremo seguire i seguenti accorgimenti:

  • Utilizzare un coprimaterasso, da lavare ogni 2 mesi a 60 gradi, in modo da eliminare tutti gli allergeni;
  • Ruotare il materasso 4 volte l’anno;
  • Scegliere basi che consentono una buona traspirazione e areazione;
  • Non pulire il materasso con apparecchi a vapore. Essi, infatti, potrebbero favorire la formazione di umidità.

Quali sono le procedure da mettere in pratica per igienizzare in maniera perfetta il materasso? Ecco una guida sui passi da compiere per garantire pulizia e benessere. Questo supporto, infatti, andrebbe lavato almeno due volte l’anno, con il cambio di stagione.

  • In primo luogo, occorre disfare il letto rimuovendo la biancheria, ed esporre il materasso al sole;
  • Successivamente, è fondamentale rimuovere eventuali accumuli di polvere, servendosi di un aspirapolvere o di una spazzola. Importante è porre particolare attenzione alle bordature perimetrali: proprio in quest’area i germi si annidano in maggior misura;
  • Per lavare il materasso puoi usare soluzioni fatte in casa ed ecologiche. Un esempio? Il bicarbonato è il perfetto alleato per questa operazione. Ti basterà scioglierne un paio di cucchiai all’interno di una bacinella con dell’acqua calda. Dopodiché, non dovrai far altro che imbevere il panno nella soluzione, strizzarlo bene e strofinarlo sulla superficie del materasso. Conclusa l’operazione, lascia che si asciughi, possibilmente all’aria aperta ma senza esporlo alla luce del sole diretta;
  • Oltre alle soluzioni fatte in casa, in commercio esistono prodotti appositi con cui puoi completare la pulizia del materasso. Ad esempio, degli spray anti-acari. L’unico consiglio, è quello di assicurarti che non siano prodotti tossici, e il più possibile realizzati con ingredienti naturali, che non risultino nocivi per la tua salute.

Il materasso presenta macchie di sangue o di cibo, che non riesci a rimuovere? Puoi utilizzare dell’acqua ossigenata da distribuire sull’alone in questione. Il rischio, però, è che la superficie si scolori. In alternativa, puoi usare una soluzione a base di acqua e sale. Nel caso di macchie di trucco o di caffè, potrai avvalerti di un mix di acqua, aceto e succo di limone, da spruzzare direttamente sull’alone con un erogatore spray. Per eliminare l’eventuale cattivo odore, una volta asciugato il materasso potrai distribuirci poche gocce di olio essenziale, ricorrendo a un panno umido.

Infine, oltre a queste semplici norme di igiene da applicare quotidianamente e alle indicazioni per una pulizia più profonda del materasso, tieni in considerazione i seguenti comportamenti da evitare categoricamente:

  • Mangiare sul letto è una pratica decisamente sconsigliata e poco igienica: briciole e macchie non farebbero altro che attirare i batteri. Oltretutto, si tratta di tipi di sporco estremamente difficili da rimuovere;
  • Poggiare il materasso a terra non andrebbe fatto, nonostante per molti sia una soluzione di arredamento di grande design. La ragione? I cumuli di polvere a terra, covo di acari e batteri;
  • Cambiare le lenzuola poco spesso è un’altra cattiva abitudine da eliminare: la biancheria del letto andrebbe lavata e sostituita ogni 7 giorni. Allo stesso modo, con il cambio di stagione coperte e piumoni dovrebbero essere lavati prima di essere messi a posto all’interno dell’armadio.

Fasce di prezzo

Prima di capire quali sono i costi dei materassi singoli, è bene specificare che è estremamente importante acquistare il prodotto solo dopo averlo provato. In questo modo, avremo l’opportunità di sentire direttamente sulla nostra pelle se il materasso fa per noi in termini di comfort dei materiali, rigidità o morbidezza della superficie e dimensioni.

Sono sufficienti 10 minuti di prova, durante i quali sdraiarsi e provare le diverse posizioni che solitamente si assumono durante il riposo. In particolare, poiché non esiste un solo materasso perfetto ma ognuno deve mettersi alla ricerca della superficie più idonea a soddisfare le sue personali esigenze, il consiglio è di mettere in pratica questo semplice trucco. Stenditi sul materasso e passa la mano tra la zona lombare e la sua superficie. Il prodotto perfetto fa sì che non si crei troppo spazio, né che il corpo sprofondi. Per quanto riguarda, nel concreto, i costi di questi prodotti, essi sono influenzati da una serie di parametri, come:

  • Dimensione
  • Brand
  • Tipologia
  • Materiale

In generale, possiamo distinguere tra tre diverse fasce di prezzo:

  • Low Cost, in cui rientrano i modelli in gommapiuma
  • Bassa, che include i materassi in memory foam e a molle
  • Media, all’interno della quale annoveriamo i prodotti in lattice al 100%
  • Alta, in cui rientrano i materassi ad acqua

Non dimenticare che se il prodotto è per uso terapeutico, potrai richiedere la detrazione delle spese di acquisto. Per farlo, avrai bisogno di una prescrizione medica o di una autocertificazione in cui attestare le esigenze che sottendono il tuo acquisto.

Quali sono i migliori brand

Per concludere la nostra panoramica completa su tutto quello che c’è da sapere a proposito dei materassi singoli, non ci resta che scoprire la classifica delle aziende top di gamma che si dedicano alla realizzazione dei migliori prodotti. In questo elenco rientrano:

  • Baldiflex
  • Marion
  • Magniflex
  • Mentor
  • Emma
  • Dorelan
  • Marcapiuma
  • Tempur

L’elenco dei migliori marchi è stato realizzato prendendo in considerazione i punti di forza offerti dai materassi prodotti da questi brand, in cui rientrano:

  • Tecnologie innovative di progettazione del materasso, per implementare igiene, comfort e benessere durante il riposo
  • Rapporto qualità prezzo
  • Esperienza pluridecennale nel settore
  • Utilizzo di materiali e tecniche di produzione di eccellente qualità
  • Vasta gamma di prodotti e modelli a disposizione sul mercato, per soddisfare tutte le tipologie di acquirente
  • Servizio di assistenza clienti preparato, che accompagna l’acquirente nella scelta del materasso più idoneo grazie a periodi di prova volti a comprendere se si tratta del prodotto adatto alle proprie esigenze.
admin

Back to top
menu
Migliore Materasso Singolo